;
 
 
 
 
 
 
 
 

Seleziona prestazione

Seleziona l'appuntamento

Mie informazioni

Concludi prenotazione

Risultati correlati alla ricerca (16 risultati)

ECOGRAFIA ANCHE PEDIATRICA

L’ecografia delle anche ci permette di visualizzare i rapporti articolari e la maturità dell’anca neonatale, valutando la morfologia e la crescita sia della cavità acetabolare (parte del bacino a forma di coppa), che della testa femorale, offrendoci la possibilità di individuare precocemente anomalie come la displasia (alterazione della morfologia dei componenti articolari) e la lussazione (perdita dei fisiologici rapporti articolari con fuoriuscita della testa femorale dalla cavità acetabolare).

ECOGRAFIA ARTICOLARE

L'ecografia articolare è in grado di indagare con discreta precisione i tessuti molli e le strutture articolari (cartilagini, menischi e membrane sinoviali) e periarticolari (tendini e legamenti). Sulla pelle del paziente, in corrispondenza dell’articolazione interessata, viene applicata una sostanza gelatinosa al fine di migliorare il contatto con la sonda che invia gli ultrasuoni all’apparecchio. L’esame è indolore ma se viene effettuato su una zona infiammata, la sensazione di dolore può essere leggermente più intensa.

ECOGRAFIA MUSCOLO-TENDINEA

L'ecografia muscolo-tendinea è in grado di indagare tutte le patologie a carico dei muscoli o dei tendini. È un esame particolarmente indicato in caso di stiramenti e sospetti strappi muscolari, contusioni, tendiniti (al gomito, ginocchio, piede, mano, spalla, polso, caviglia, tendine di Achille), cisti, borsiti, ematomi sottocutanei o intramuscolari. Nel corso dell’ecografia muscolo-tendinea, sulla pelle del paziente, in corrispondenza della parte del corpo da esaminare, viene applicata una sostanza gelatinosa al fine di migliorare il contatto della sonda che emette gli ultrasuoni. L’esame è indolore ma se viene effettuato su una zona infiammata la sensazione di dolore può essere leggermente più intensa.

ECOGRAFIA COLLO

L’ecografia del collo permette la valutazione degli spazi anatomici cervicali superficiali e profondi, e lo studio della anatomia e della morfologia dei principali organi del collo (tiroide e paratiroidi, linfonodi profondi, grossi vasi arteriosi e venosi, ghiandole salivari sottomandibolari e parotidi ecc.). Il paziente vienevalutato in posizione supina. Dopo aver applicato una piccola quantità di gel sulla pelle del paziente, il medico radiologo appoggia e muove, sulla parte anatomica in esame, una sonda collegata alla apparecchiatura ecografica, in grado di produrre sezioni anatomiche fedeli delle strutture anatomiche esaminate. L’esame non è invasivo e non comporta rischi per il paziente.

ECOGRAFIA CUTE E SOTTOCUTE

L’ecografia della cute e del tessuto sottocutaneo serve a valutare le dimensioni di una tumefazione cutanea o sottocutanea, il suo sviluppo in profondità e i rapporti con strutture profonde e vasi sanguigni. È possibile studiare noduli cutanei, cisti, lipomi, linfonodi, ernie. Il paziente viene valutato nella posizione che consente il migliore studio della parte anatomica interessata. Dopo aver applicato una piccola quantità di gel sulla superficie cutanea,il medico radiologo appoggia e muove, sulla parte anatomica in esame, una sonda collegata all’apparecchiatura ecografica, in grado di produrre sezioni anatomiche fedeli delle strutture esaminate. L’esame non è invasivo e non comporta rischi per il paziente.

ECOGRAFIA MAMMARIA BILATERALE

L’ecografia mammaria bilaterale è un esame importante per la diagnosi delle malattie della mammella: patologie benigne come cisti, fibroadenomi, mastopatia fibrocistica, e patologie maligne come i tumori. Le mammelle sono formate da una porzione ghiandolare (da cui possono aver origine eventuali neoplasie), da grasso e tessuto fibroso. Nelle donne giovani prevale la componente ghiandolare mentre con il progredire dell’età questa parte si riduce a favore della componente adiposa e fibrosa. È quindi un esame particolarmente indicato per le donne sotto i 40 anni.

ECOGRAFIA MAMMARIA MONOLATERALE DESTRA

L’ecografia mammaria monolaterale è un esame importante per la diagnosi delle malattie della mammella: patologie benigne come cisti, fibroadenomi, mastopatia fibrocistica, e patologie maligne come i tumori. Le mammelle sono formate da una porzione ghiandolare (da cui possono aver origine eventuali neoplasie), da grasso e tessuto fibroso. Nelle donne giovani prevale la componente ghiandolare mentre con il progredire dell’età questa parte si riduce a favore della componente adiposa e fibrosa. È quindi un esame particolarmente indicato per le donne sotto i 40 anni.

ECOGRAFIA MAMMARIA MONOLATERALE SINISTRA

L’ecografia mammaria monolaterale è un esame importante per la diagnosi delle malattie della mammella: patologie benigne come cisti, fibroadenomi, mastopatia fibrocistica, e patologie maligne come i tumori. Le mammelle sono formate da una porzione ghiandolare (da cui possono aver origine eventuali neoplasie), da grasso e tessuto fibroso. Nelle donne giovani prevale la componente ghiandolare mentre con il progredire dell’età questa parte si riduce a favore della componente adiposa e fibrosa. È quindi un esame particolarmente indicato per le donne sotto i 40 anni.

ECOGRAFIA ADDOME INFERIORE

L’ecografia dell’addome inferiore valuta principalmente gli organi contenuti nello scavo pelvico (vescica, prostata, vescichette seminali nell’uomo; vescica, utero e ovaie nella donna). Consente di rilevare la presenza di liquido nella pelvi e di effettuare accurate misurazioni dimensionali (ad esempio di un adenoma prostatico o di cisti ovariche).

ECOGRAFIA ADDOME SUPERIORE

L’ecografia dell'addome superiore serve a studiare la morfologia e le principali patologie di molti e importanti organi addominali quali fegato, vie biliari, cistifellea, pancreas, milza e reni. Permette inoltre spesso la valutazione dei grossi vasi addominali, dei linfonodi profondi, del peritoneo e del retro peritoneo. Il paziente viene valutato generalmente in posizione supina. Dopo aver applicato una piccola quantità di gel sulla superficie cutanea, il medico radiologo appoggia e muove, sulla parte anatomica in esame, una sonda collegata all’apparecchiatura ecografica, in grado di produrre sezioni anatomiche fedeli delle strutture esaminate. L’ecografia dell’addome superiore non è un esame invasivo e non comporta rischi per il paziente.

Dove siamo

Humanitas Gavazzeni si trova
a Bergamo, a due passi dal centro città

Via Mauro Gavazzeni 21
24125 Bergamo